Arturo Riccioli

riccioliTitolo dell’Opera: “Cinque”
Tecnica: acrilico su tavola
100x30 cm.

 

Nato nel 1947 a Concesa (Trezzo d’Adda) iniziò l’avventura pittorica nel 1970 a 23 anni,un corso serale alla Brera di Milano con il prof. Spinoccia.
Poi ho fatto da solo,non per orgoglio o altro,in quegli anni si doveva essere moderni,e io così appassionato alla natura, ho dovuto staccarmi da quelle frenesie e fare da me.
Così sono cominciati i paesaggi, le figure, le emozioni che hanno attraversato la mia vita.
Vita ed emozioni vissute con amici/che, i quali hanno determinato anche la mia tavolozza di colori, volendo trascinare chi guarda i miei lavori a cercare emozioni
dalla natura, natura che per tanti motivi non riusciamo più vedere...Ho avuto la fortuna di abitare in un casa splendida tra l’Adda e il Naviglio a Vaprio,lì ho
prodotto molti quadri intensi... ma stava crollando dal peso di tanti anni d’incuria,così con amici nel 1997 e poi nel 2000, abbiamo fondato l’associazione culturale
“casa del custode delle acque” (nome coniato da noi,prima era “Casa Regia”), per salvarla dall’indifferenza e dal crollo. Questo impegno nell’associazione
(10 anni) non ha fermato la mia creatività, i miei mondi continuano a cambiare e così anche i colori, forse è semplicemente così la vita.